SARA MARILENA SANNA PRESSO “FARM CULTURAL PARK”

Vi racconto la mia Work Experience..

Sono Sara, vivo ad Alghero e ho conseguito la laurea in Giurisprudenza e la Specializzazione nelle professioni legali presso l’Università di Sassari.

La mia passione verso la cultura, l’arte e la comunicazione mi ha sempre portato ad occuparmi, sin dagli anni universitari, di attività legate a questi settori organizzando e presentando varie serate culturali e dilettandomi ormai da più di 10 anni a fare la speaker radiofonica presso una radio locale, Radio Onda Stereo.

Alla soglia dei miei 40 anni mi ritrovo a vivere (quasi inaspettatamente) questa bellissima opportunità in un’isola, la Sicilia, che mi riporta alle mie origini.

Lo scorso anno quando lessi il bando “Maistru Torra” ricordo che rimasi subito entusiasta. Mi piaceva l’idea di poter vivere un’eventuale avventura in un campo che potesse arricchire le mie passioni.

Farm Cultural Park rappresenta per me un’opportunità utile ed interessante per mettermi in gioco, imparare, trovare nuovi stimoli e conoscere una nuova realtà.

SARA MARILENA SANNA racconta

10/11/2019: “Arrivo a Favara il pomeriggio del 6 ottobre. Una città completamente diversa dalla mia Alghero. La Farm, soprattutto di sera è quasi un miraggio, è una cattedrale culturale nel deserto di mille vicoli e case fatiscenti apparentemente abbandonate.
Inizio la mia work experience martedì mattina. La grande famiglia Farm mi ha accolto a braccia aperte, Cristina la mia tutor lo ha fatto nel vero senso della parola…il suo abbraccio è stato un bel gesto che mi ha fatto sentire subito a mio agio.
Il compito che ho svolto durante le prime tre settimane è stato quello di accogliere gli ospiti che venivano a visitare Countless Cities, la Biennale delle città del mondo e spiegargli il percorso da seguire. La mostra infatti si articolava in tre zone: i Sette Cortili, Palazzo Miccichè e Palazzo Cafisi in cui con i colleghi alternavano le nostre postazioni e il lavoro di accoglienza e biglietteria.
Nel frattempo inizia Waw, Wonderful Architects’ Week, un altro progetto di Farm dedicato ai bambini e diretto al contrasto della povertà educativa minorile. Il 16 ottobre partecipo ad una lezione- laboratorio in due scuole elementari di Favara, in cui i bambini divisi per gruppi dopo aver disegnato il loro robot devono rispondere a una serie di domande sul valore che lo stesso rappresenta e che cosa vuole trasmettere al mondo. A tenere la lezione è Florinda, che conosco per la prima volta, è molto professionale e preparata, la sua passione per quello che fa è palese.
In questo settore non avevo alcuna esperienza ed è stato piacevolmente interessante scoprire la vivacità mentale dei bambini e sorprendermi capace di svolgere questa attività senza problemi. L’ospite presente è il creativo Massimo Sirelli, una persona alla mano e ricca di idee che in questa occasione disegna dei murales rappresentanti dei robot sulle facciate delle due scuole. Durante questa giornata conosco anche due persone speciali che collaborano con Farm: Josephine e Salvatore, videomaker e fotografo, che sembro conoscere da sempre.
Questi giorni sono ricchi di eventi e sabato, tra gli ospiti della prima edizione di Waw, c è anche Carlo Gracco, il suo talk sulla libertà è molto interessante.
Lunedi 21 le vie dei Sette cortili si animano di tanti studenti che vengono a visitare la Biennale.
L’ora di pranzo diventa una grande festa con tanti arancini per tutti e ho modo di conoscere Andrea Bartoli.
Dopo pranzo abbiamo un meeting con lui e ognuno di noi esprime le proprie impressioni su Countless cities. Andrea ci espone il nuovo progetto Crm che interesserà la comunità favarese e non solo.
Il 27 chiude la Biennale e parte la disinstallazione: aiutiamo ad imballare i quadri e i vari materiali della mostra.
Il 29 chiude la Farm al pubblico e iniziano gli incontri con Silvia, direttore di Sou a domicilio ovvero laboratori di architettura per i bambini delle elementari e delle medie che incominceranno il 4 di novembre in due scuole di Agrigento e il 22 alla Bersagliere Urso, scuola elementare di Favara. In entrambe le scuole c’è il progetto di riqualificare due zone che i bambini possano vivere liberamente: nella scuola di Agrigento il parco di Villa Lizzi dove facciamo un sopralluogo il giorno 30 e in quella di Favara il parco della scuola stessa che visitiamo il 5 di novembre.
Il mio compito è quello di fotografare tutte le attività e poi postare le varie foto nei social con le relative didascalie.
Il 4 novembre inizia la mia esperienza da fotografa alla scuola di Agrigento. Dopo una breve lezione accompagniamo i bambini a Villa Lizzi per un sopralluogo. Sono entusiasti e pieni di idee per quello che dovrà essere il loro nuovo parco”.

06/12/2019: “L’ultimo mese prosegue con Sou a domicilio a ritmi cadenzanti tra l’attività di tutor e quella da fotografa e social media manager: lunedì e mercoledì nelle scuole di Agrigento e il venerdì a Favara. I laboratori della scuola di architettura continuano con tanta determinazione e curiosità dei bambini.
Partecipo, sempre come tutor ad alcune lezioni di P.arch, Playground per architetti di città, un progetto che nasce con l’intento di contrastare la povertà educativa tra i giovani delle scuole primarie e secondarie della Sicilia e del Lazio, utilizzando metodologie creative e affrontando con il gioco temi importanti, come la rigenerazione urbana. A portare avanti i laboratori nelle scuole di Favara sono due architetti Annalisa e Daniele.

Il 9 novembre partecipo ad una bella giornata di Prime Minister, la scuola di politica per giovani donne, under 16. L’ospite della ottava giornata è il Sottosegretario di Stato ai Beni e alle Attività Culturali, Anna Laura Orrico.
Il 21 novembre lezione davvero divertente di SOU, la scuola di architettura che si svolge a Farm. I bambini hanno costruito delle bombe di semi e anche io.
Sabato 23 novembre accompagno dei turisti in visita a Farm. Il mio compito di guida consiste nel descrivere i vari spazi e le opere che si trovano all’interno dei Sette Cortili. Tutto il gruppo alla fine della visita ci ringrazia con tanti sorrisi e strette di mano.
La mia bella esperienza per Sou a domicilio, si conclude con due eventi molto rappresentativi ed emozionanti. Domenica 1 dicembre organizziamo l’evento “Essere una pianta urbana”. Fuori dalla Chiesa Madre di Favara allestiamo un banchetto per raccogliere fondi per il progetto Save Villa Lizzi. Le mamme degli alunni della Bersagliere Urso hanno fatto tantissimi dolci e torte. Con l’aiuto dei bambini abbiamo venduto tutto e raccolto una bella somma. Tanta la partecipazione della comunità e la contentezza dei bambini.
Il secondo evento, svoltosi il pomeriggio successivo, riguarda la scuola Garibaldi di Agrigento. Il laboratorio della giornata ideato da Silvia Forese è stato molto divertente, gli alunni divisi in 3 gruppi dovevano immaginare di essere uno studio di architettura e ideare un logo, anche con l’aiuto dei lego e realizzare un progetto su Villa Lizzi. Anche in questo caso erano tutti entusiasti.
Al momento di salutarci, Marzio un alunno, mi ha dato due baci e salutandomi mi ha espresso il suo dispiacere per la mia partenza…..è stato per me molto emozionante.
La mia esperienza a Favara termina con una bella cena in compagnia di belle persone che mi hanno accompagnato in questa bella avventura che è Farm Cultural Park”.

IL TUTOR racconta

Coming soon…

LA CANDIDATA

NOME: Sara Marilena 

COGNOME: Sanna

ETA’: 39 anni

LINEA DI INTERVENTO: Linea 1

PROFESSIONE: Disoccupata

CITTA’ DI PROVENIENZA: Alghero (SS)

AZIENDA OSPITANTE

FARM CULTURAL PARK

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Site Menu
X